Scopriamo i social: i social minori.

Dopo l’esplosione di popolarità di Facebook, successivamente dei vari social “messenger” si sono sviluppati centinaia di social meno conosciuti. In questo articolo presenteremo le principali caratteristiche di 5 dei più diffusi social minori.

 

Social minori: Google MyBusiness.

Google MyBusiness è una piattaforma dedita all’organizzazione e diffusione del proprio business tramite Google. Tramite MyBusiness è possibile aggiornare la posizione del business sulle mappe, ricevere recensioni, pubblicare immagini ecc… Spesso considerato un social minore, MyBusiness sta diventando sempre più utile per le aziende nella gestione del loro business.

 

Whatsapp: messaggistica telefonica.

Whatsapp è la nota piattaforma di comunicazione, recentemente acquistata da Facebook. Con il patrocinio di Facebook l’applicazione ha ricevuto una svolta “social”, con l’inserimento di storie e stati pubblici.

L’alternativa a Whatsapp: Telegram.

Telegram è una piattaforma di messaggistica telefonica di origine russa che sembra sempre essere un passo avanti al suo concorrente d’oltreoceano. La piattaforma presenta: stickers, brevi videomessaggi, bot, gruppi, supergruppi pubblici e così via. Al contrario della concorrenza telegram non presenta storie o altre funzioni che sono prerogativa delle piattaforme Facebook. L’aspetto più social dell’app è quello dei gruppi pubblici, dei bot e dei canali di condivisione.

 

Social minori: TikTok.

TikTok è diventato popolarissimo in breve tempo grazie al suo largo uso per la creazione di contenuti divertenti. TikTok permette di sovrapporre clip audio ad un breve video creato dall’utente. Questo social minore non ha nessun tipo di utilità se non l’intrattenimento.

Social minori: Pinterest.

Pinterest è la piattaforma di condivisione di contenuti prescelta dagli artisti. Questo social minore  nello specifico permette di condividere immagini e gallerie di immagini. Inoltre è possibile segnare come “pin” un contenuto d’interesse, al fine, per esempio, di replicarlo e postarlo come pin di risposta.

Il social delle community: Amino.

Amino è una piattaforma che raggruppa gli utenti in base alle community scelte.

 

Rimangono ancora molti social da analizzare di cui parleremo nei prossimi articoli.

 

Continua a leggere sul nostro blog e su facebook!

Scopriamo i social: LinkedIn

LinkedIn: il social per professionisti. E’ una piattaforma web con servizi gratuiti, e alcuni opzionali a pagamento, creata con lo scopo di facilitare la creazione di rapporti professionali tra gli utenti registrati. Nel tempo la rete di utenti di LinkedIn è aumentata esponenzialmente : da 30 milioni di utenti registrati nel 2009 a 630 in appena 10 anni, nel 2019. La rapida crescita della piattaforma è testimone della sua utilità in ambito professionale e lavorativo. Le aziende lo usano per pubblicare offerte di lavoro, farsi pubblicità e espandere la propria influenza. I privati lo usano per creare reti di rapporti utili in ambito professionale.

 

LinkedIn: funzionamento generale.

Lo scopo principale della piattaforma, disponibile su mobile e pc, è quello di consentire agli utenti di mantenere una lista di persone affidabili in campo lavorativo. Le persone nella lista sono identificate come “connessioni” ad una rete di rapporti sociali. La rete degli utenti può essere espansa creando altre connessioni.

 

LinkedIn: obiettivi.

Gli utenti si registrano su LinkedIn con vari obiettivi, tra questi: essere presentati a potenziali datori di lavoro attraverso contatti ritenuti affidabili. Trovare offerte di lavoro e altre opportunità di business mediante la rete di contatti che si è sviluppata nel tempo ecc ecc…

 

Servizi concessi all’utente.

Gli utenti possono intraprendere numerose azioni utili alla ricerca di opportunità lavorative. Uno user può creare un profilo, contenente le informazioni personali, ed integrarlo con un curriculum vitae visibile a tutti i potenziali datori di lavoro presenti fra le connessioni dell’utente. Altri user invece potrebbero voler pubblicare avvisi di ricerca personale o altre offerte di lavoro, LinkedIn rende possibile tale azione tramite apposite pagine; gli utenti in cerca di lavoro possono visualizzare un elenco delle offerte disponibili. L’utente può inoltre aggiungere alle sue connessioni altri utenti e visualizzare la lista delle connessioni di altri utenti.

 

Continua a leggere sul nostro blog e su facebook!

Scopriamo i social: twitter

Nell’articolo di oggi analizzeremo Twitter: il social che ha visto crescere esponenzialmente la sua popolarità negli ultimi 5 anni.

 

Twitter: introduzione.

Twitter è una piattaforma che nasce con lo scopo di diffondere notizie e dare la possibilità ai suoi utenti di svolgere del microblogging. Con il tempo il social si è evoluto ma fa della propria semplicità un vanto ora.

Twitter: funzionalità principali.

Twitter offre un servizio molto semplice e conciso: all’utente viene consentito di creare una pagina personale. La paginasi può aggiornare tramite messaggi di testo lunghi al massimo 280 caratteri. Ci sono molti modi per aggiornare lo stato, dalla scrittura diretta del messaggio ai repost, fino ad applicazioni esterne che si interfacciano con Twitter.

 

Come le aziende sfruttano Twitter.

Come visto la piattaforma consente di creare messaggi di media lunghezza, le aziende però preferiscono superare di poco la metà. Questo si deve alla regola generale che viene usata in tutti i social: se la media degli stati è di, per esempio, 100 caratteri, anche se la piattaforma mi permette di scriverne 200, è meglio evitare perchè quel messaggio al pubblico generale potrebbe sembrare troppo lungo. 

In generale si utilizzano degli slogan o delle brevi frasi ad effetto seguite da una descrizione del prodotto se necessaria. Inoltre è una tendenza recente quella di aprire account per le personalità importanti di un’azienda così che possano, tramite il personaggio che hanno costruito, attirare l’attenzione sul prodotto o sull’azienda in questione.

 

Gli influencer sulla piattaforma.

Sulla piattaforma gli influencer si muovono come su ogni altro social, ma molte volte la pubblicità tende ad essere più esplicita. Per esempio, su instagram un prodotto può essere inserito in una foto creata appositamente, su twitter invece si dedica uno stato alla pubblicità, per questo motivo è importante creare equilibrio fra i messaggi che sottolineano il personaggio e quelli mirati alla pubblicità. 

Continua a leggere sul nostro blog e su facebook!

Scopriamo i social: Instagram.

Cosa ha portato Instagram alla popolarità a livello mondiale in tempo così breve? Perchè tutti lo usano? Come sfruttare il social delle immagini in modo efficace?

 

Instagram: una breve introduzione al social.

Instagram è una piattaforma basata sull’aspetto visivo: immagini, foto e video sono i contenuti principali del social. I testi invece vengono lasciati in secondo piano e hanno uno spazio limitato. La forma dei post assume quindi una notevole importanza, ed è sulla forma e all’estetica dei post su Instagram che lavorano le aziende ed i privati che vogliono far crescere i loro profili.

Instagram: una breve introduzione al social.

Su Instagram si possono creare 3 tipi di post: i post classici, le storie e i contenuti igtv. I post classici sono composti da una foto, un testo e dei tag. Le storie sono contenuti temporanei che vengono visualizzati per 24 ore e poi vengono cancellati. I contenuti igtv sono video che possono avere lunghezze superiori a storie e post i quali vengono salvati in una sezione apposita.

 

Alcuni consigli per i post.

Come detto in precedenza i post su Instagram devono avere una forma molto curata. Un esempio sono tutti quegli artisti che non solo devono creare un contenuto originale ma devono anche proporlo in una foto che lo renda più appetibile. E’ anche importante curare la frequenza e la varietà dei post: bisogna postare spesso, contenuti differenti (a rotazione magari) e in almeno 2 dei 3 canali che il social offre.

 

Instagram: post sponsorizzati.

Il social offre anche la possibilità di pagare per incrementare la visibilità di un post, questo servizio è spesso sfruttato da aziende e i privati per aumentare i mi piace e le interazioni su un determinato post, ritenuto importante. Le aziende, per esempio, non sponsorizzano tutti i post ma soltanto quelli ritenuti importanti per aumentare la propria visibilità/pubblico.

 

Continua a leggere sul nostro blog e su facebook!